Palazzo Chigi in Ariccia Comune di Ariccia
Ricerca Opere e Libri x Italiano    o English
Speculum Dianae Magnificentiae
Incisioni e litografie del lago di Nemi dal '500 all' '800
Ariccia, Palazzo Chigi - Piazza di Corte, 14
30 Novembre 2006 - 31 Gennaio 2007
 
 
(click the photo to enlarge)
Click the photo to enlarge
Albert Christoph Dies,
Lago di Nemi
acquaforte, Roma, 1792

Click the photo to enlarge
Romeyn de Hooge,
Lacus Aricini Prisca Constitutio,
bulino, Amsterdam, 1671

Click the photo to enlarge
Thomas de Thomon,
Lac de Nemi a cote de Gensano,
siteie a six lieues de Roma
,
acquaforte

Click the photo to enlarge
Henry Cook,
The Lake of Nemi,
litografia, Londra, 1840

Click the photo to enlarge
Henry Cook,
Lake of Nemi,
litografia, Londra, 1840

Click the photo to enlarge
Robert Wallis inc.,
Joseph Mallord William Turner pix.,
Nemi,
acquaforte, 1844

Click the photo to enlarge
Hippolyte Vanderburch,
Enterremente d'une jeue fille,
litografia, 1835 ca.

Click the photo to enlarge
Jean-baptiste Corot,
Lac Nemi,
bulino, Parigi, 1855
La mostra "Speculum Dianae Magnificentiae. Incisioni e litografie del lago di Nemi dal '500 all' '800" ospitata dal 30 novembre 2006 al 31 gennaio 2007 nella seicentesca cornice di Palazzo Chigi ad Ariccia, vuole illustrare attraverso incisioni e litografie realizzate dal Rinascimento all'Ottocento il bacino lacustre del Lago di Nemi, uno dei luoghi più importanti del territorio della Provincia di Roma e della Regione Lazio, nel cuore dei Castelli Romani, tra i territori dei comuni di Genzano, Nemi, Ariccia, Lanuvio, Velletri e Rocca di Papa.
La mostra è incentrata sulla collezione Bartelli, la più importante collezione privata sul tema, che raccoglie circa 130 stampe tra incisioni, acqueforti e litografie tutte relative al lago. Accompagnano il percorso espositivo, una serie di dipinti del XVIII e XIX secolo, che illustrano anche in pittura la fortuna iconografica di questo luogo fantastico dell'immaginario collettivo europeo.
 
La Mostra, a cura di Barbara Jatta, Direttrice del Gabinetto Stampe e Disegni della Biblioteca Apostolica Vaticana e Francesco Petrucci, Conservatore del Palazzo Chigi di Ariccia, nasce con il contributo della Regione Lazio - Dipartimento Sociale - Dipartimento Regionale - Beni e Attività Culturali, Banca di Credito Cooperativo Giuseppe Toniolo ed è un'iniziativa inserita nel Progetto di valorizzazione culturale e di sviluppo del territorio Arti Visive in Rete in collaborazione con la Biblioteca Apostolica Vaticana, Gabinetto Stampe e Disegni.
 
 
La mostra
Il lago di Nemi è stato per secoli una delle mete più ambite per i pittori di tutta Europa, che hanno ritratto il paesaggio che avvolge il lago da molteplici inquadrature, sullo sfondo dei castelli Ruspoli e Sforza Cesarini. Qui potevano coesistere infatti le due poetiche romantiche del "sublime" e del "pittoresco". La prima espressa dalla visione all'infinito sulla campagna romana, fino al mare, con in lontananza le isole pontine, il secondo dalla presenza dei villaggi pittorescamente arroccati sulle alture di Nemi e Genzano.
Tra i grandi artisti che immortalarono Nemi, oltre a Turner e Corot, moltissimi altri pittori inglesi, francesi, tedeschi, spagnoli, russi e scandinavi, ma anche americani, con opere presenti in tutti i musei del mondo. Il lago di Nemi è così divenuto una delle grandi icone del Grand Tour d'Italie, il viaggio formativo in Italia che artisti e intellettuali di tutto il mondo intraprendevano nel Bel Paese.
 
Il lago e i boschi che lo circondano sono stati il luogo del mito di Diana Aricina, essendo presente sulle rive del lago il Santuario di Diana, mentre nel lago stesso erano le due grandi navi di Caligola, affondate e ripescate durante il fascismo per essere ospitate in un museo presso il lago. Da questo l'antica definizione di "Speculum Dianae".
La Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio che gestisce il Museo delle Navi Romane sta realizzando una importante campagna di scavo alle pendici del lago, pressi i resti del santuario.
 
Mito e natura hanno creato quindi una suggestione imprescindibile, che ha attirato anche l'attenzione di scrittori e poeti. Proprio partendo dal lago di Nemi e dal suo culto antichissimo l'etnologo inglese James Frezer ha sviluppato in dodici volumi il suo famoso Ramo d'Oro. La morte del vecchio sacerdote sfidato a duello da un giovane schiavo fuggitivo, rappresentava l'eterno rinnovarsi della natura in un ciclo perenne di morte e resurrezione, come in tutte le grandi religioni dell'antichità. Così Nemi diventa un emblema della spiritualità e del mito, quasi mito dei miti.
 
Materiale informativo: